MENU

Fare domanda tirocinio post-laurea di un anno (Lauree in Psicologia ordinamenti previgenti)

Sez. A - Fare domanda di tirocinio post-laurea di un anno

 

Chi possiede Laurea Specialistica classe 58/S e Laurea ante 509/99 o vecchio ordinamento (5 anni) conseguite ai sensi di ordinamenti previgenti, dovrà svolgere il tirocinio post-laurea di un anno suddiviso in due semestri continuativi e ininterrotti in due diverse strutture e in due Aree di psicologia tra generale, clinica, sociale, sviluppo

Prima di tutto fare richiesta a una delle Sedi convenzionate per ottenere conferma della disponibilità a poter effettuare il tirocinio post-laurea presso la sede prescelta.

 

La domanda può essere presentata a partire da uno dei seguenti periodi:

  • Periodo di tirocinio dal 15 Marzo: domanda dal 10 Gennaio al 20 Febbraio
  • Periodo di tirocinio dal 15 Settembre: domanda dal 10 Giugno al 20 Luglio 

Sarà possibile inoltrare Domanda dal 10 Gennaio 2024 al 20 Febbraio 2024 per tirocinio post-laurea di un anno con inizio dal 15 Marzo 2024 inviando la documentazione a: tirocini@psico.unifi.it

 

Regolamento tirocinio post-laura un anno: Regolamento 


Documenti da presentare

PRIMA FASE

Una volta ottenuta la disponibilità dalla Sede convenzionata si dovrà predisporre la seguente documentazione:
1. Domanda in bollo: domanda_500 ore 
2. Allegato A: allegatoA_psicologo 
dichiarazione attestante l'accettazione in tirocinio del candidato da parte del Direttore del Dipartimento o Istituto di Ricerca o del Responsabile della Struttura, con l'indicazione del supervisore, del semestre e dell'area relativi all'attività di tirocinio;
in cui sia presentata la programmazione dell'esperienza, la definizione operativa degli obiettivi, delle fasi e dei metodi di svolgimento delle attività, concordato con il Supervisore e da questi controfirmato;
4. Attestato corso di formazione generale sulla Sicurezza sui luoghi di lavoro (4 ore) vedi il presente Link. E' necessario avere tale Attestato almeno prima dell'inizio del tirocinio nella Sede ospitante. L'attestato conseguito presso un CdL triennale UNIFI è valido. Se il tirocinio post-laurea è svolto presso una Struttura ospitante che richiede anche una formazione specifica, tale formazione deve essere erogata o eventualmente riconosciuta dalla stessa Struttura; invece la Segreteria Tirocini richiede solo l'Attestato sulla sicurezza generale di 4 ore. Il corso sulla sicurezza organizzato da UNIFI è riservato ai soli studenti iscritti, oppure a coloro che hanno una matricola attiva con Unifi per corso post-laurea (dottorandi, master, ecc). Se le credenziali per accedere ai servizi Unifi non sono più attive perché già laureato, è necessario provvedere autonomamente presso gli enti accreditati, ad acquisire l’attestato sulla sicurezza secondo i seguenti riferimenti: corso di formazione generale per i lavoratori in materia di sicurezza e salute sul lavoro della durata di 4 ore, così come stabilito dall’art. 37 comma 1-2 del D. Lgs. 81/2008 e accordo Stato Regioni del 21/12/2011. In tal caso inviare il pdf dell'Attestato, conseguito come utente esterno da Unifi, a tirocini@psico.unifi.it, per la valutazione;
5. Copia di un documento di riconoscimento in corso di validità;
6. Dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà nei casi di necessità dietro preventiva richiesta alla Segreteria Tirocini: atto_notorieta 
7. Polizza assicurativa fino al 30 Giugno 2024: il tirocinante è automaticamente assicurato dall'Ateneo per la Responsabilità civile vs terzi e per gli Infortuni, pertanto almeno fino al 30/06/2024 non dovrà effettuare alcun pagamento per aderire alle due polizze. Nel mese di Giugno 2024 daremo comunicazione per le modalità di copertura della polizza infortuni successivamente al 30 Giugno 2024.

Scadenze per l'invio della domanda e della documentazione:
• Per il semestre di tirocinio con inizio il 15 Marzo: dal 23 Gennaio al 20 Febbraio
• Per il semestre di tirocinio con inizio il 15 Settembre: dal 10 Giugno al 20 Luglio
La domanda firmata e completa di tutti gli allegati sopra elencati dovrà essere scansionata e inviata alla seguente email: tirocini@psico.unifi.it

SECONDA FASE

L'Ufficio alla chiusura delle domande provvederà a controllare la documentazione e invierà ad ogni singolo tirocinante una MAIL (da tirocini@psico.unifi.it) per comunicare se la documentazione è corretta e completa oppure se necessita di alcune integrazioni o chiarimenti. 

TERZA FASE

Solo dopo aver ricevuto da <tirocini@psico.unifi.it> la MAIL nella quale si comunica che la domanda è stata approvata, il tirocinante dovrà provvedere ad inviare per posta raccomandata con ricevuta di ritorno (RR) i documenti originali al seguente indirizzo: Scuola di Psicologia - Ufficio Tirocini - Via della Torretta 16 - 50137 Firenze.

In alternativa è possibile la consegna a mano (anche tramite terza persona delegata) seguendo le seguenti indicazioni:

1- Prenotarsi al link di Google Calendar (gli slot saranno inseriti settimanalmente)

2- Recarsi presso l’Ufficio Tirocini della Scuola di Psicologia in via della Torretta 16 Firenze nell'orario della prenotazione effettuata.

E' possibile consegnare gli originali della domanda anche dopo l'inizio del tirocinio (non oltre un mese). 


Elenco documenti originali da inviare o consegnare (con firme per esteso originali a penna, non scansionate o fotocopiate, non digitali):
Domanda con marca da bollo (firma tirocinante);
Allegato A (firma supervisore e rappresentante legale ente);
Progetto su carta intestata ente (firma supervisore, rappresentante legale ente e tirocinante);
Copia carta identità;
Copia attestato corso sulla sicurezza generale (4 ore).

Prima della consegna si consiglia di fare una fotocopia della documentazione da conservare.

I documenti non completi non saranno accolti.


Criteri di svolgimento e diario di attestazione del tirocinio

Durata e frequenza del tirocinio Il tirocinio può avere inizio il 15 marzo e il 15 settembre di ogni anno.
La durata del tirocinio è di un anno ripartito in due semestri continuativi, da svolgersi successivamente all'acquisizione del titolo di laurea.
Il monte ore richiesto ai fini dell'attestazione è: 450 ore a semestre, suddivise in almeno 105 giorni a semestre per i laureati in Psicologia ex tabella XXXIV; 500 ore a semestre, suddivise in almeno 100 giorni a semestre, per coloro in possesso di Laurea Specialistica (classe 58/S).
L'impegno settimanale non deve essere inferiore alle 20 ore e non superiore alle 25, articolate tassativamente e senza eccezioni in 4/5 ore giornaliere per 4/5 giorni della settimana, da distribuirsi nell’arco della giornata a seconda delle specifiche attività ed esigenze del progetto e comunque non superiore al monte ore indicato. Qualora la sede non rispetti tale carico, la Scuola e l'Ordine professionale, congiuntamente, possono sospendere o revocare in qualsiasi momento il riconoscimento a sede di tirocinio (art. 7 del Regolamento per il tirocinio).
La frequenza deve essere oggettivamente documentata. L'attestazione della frequenza spetta al Supervisore che controfirma l'apposito libretto-diario delle presenze rilasciato dalla Segreteria Tirocini della Scuola.

 

Aree delle attività di tirocinio

• psicologia generale • psicologia clinica • psicologia sociale • psicologia dello sviluppo

Le attività di ciascun semestre, quindi, riguarderanno una singola area, diversa per i due semestri.

Il tirocinio può essere effettuato, a scelta dell'interessato, presso strutture pubbliche o private che siano state ritenute idonee dall'Autorità accademica, d'intesa con il competente Consiglio dell'Ordine, dove si svolgano attività a carattere psicologico e possano garantire la presenza di uno o più psicologi regolarmente iscritti all'Albo A da almeno cinque anni, o con rapporto professionale sistematico coerente con il ruolo in oggetto.

Non è possibile svolgere il tirocinio presso lo studio di un singolo psicologo libero-professionista.

I due semestri devono permettere lo svolgimento di esperienze diverse e, pertanto, devono essere effettuati presso strutture differenti (ad eccezione della ASL, purché in aree e con tutor differenti).

L'attività di tirocinio non costituisce rapporto di impiego. I tirocinanti svolgono attività di tipo formativo, sotto la responsabilità di un supervisore psicologo, e non possono essere utilizzati per attività che si configurino come sostituzione di personale dipendente o risorsa aggiuntiva.

L'attuazione del tirocinio non comporta l'assunzione di oneri diretti o riflessi a carico dell'amministrazione in cui il tirocinio si realizza. Il tirocinante svolge la propria attività nel rispetto degli obiettivi concordati e delle finalità perseguite dalla struttura ospitante, seguendo le indicazioni fornite dal responsabile, coerentemente con le disposizioni relative allo specifico settore e con i regolamenti generali della struttura. Qualora la presenza e l'attività del tirocinante contrastino con gli obiettivi della struttura, è facoltà della struttura stessa sospendere o revocare il tirocinio, mediante provvedimento motivato del suo Responsabile, sentito il supervisore. Verrà data immediata comunicazione scritta del provvedimento alla Segreteria Tirocini della Scuola di Psicologia.

 

Cosa fare all'inzio del tirocinio - Libretto Diario

A inizio del tirocinio è necessario scaricare online il libretto-diario per annotate le presenze giornaliere e le relative attività svolte. Alla fine di ogni semestre, tale libretto dovrà essere completo di firme per esteso in originale (a penna, non scansionate o fotocopiate, non digitali) e dei timbri della struttura ospitante. E' possibile compilare le varie attività giornaliere anche al computer. Il Libretto va consegnato o inviato solo alla fine dell'intero tirocinio di un anno secondo le modalità indicate alla pagina web.

 

Attestazione delle attività di tirocinio

L'attestazione della frequenza spetta al supervisore e al responsabile della struttura dove il tirocinio viene svolto. Si ricorda che il tirocinio verrà invalidato se le ore di assenza, per qualsiasi motivo, risulteranno superiori ad un terzo del periodo di frequenza prescritto (art. 1, punto 7 del D.M. 239/1992).

 

Consegna del libretto al termine del tirocinio

Al termine dell'anno di tirocinio il libretto-diario, con tutte le firme originali per esteso (a penna, non scansionate o fotocopiate, non digitali) e i timbri dell'ente, deve essere riconsegnato debitamente compilato in tutte le sue parti, distinto per semestre, comprensive del:

• diario quotidiano riportante le ore, il giorno e l'attività svolta nella struttura;

• attestazione riportante le ore e i giorni di presenza nella struttura, sottoscritta dal supervisore e dal Rappresentante legale dell'Ente o da un suo delegato con timbro.

 

Interruzione del tirocinio

L'interruzione del tirocinio è prevista solo per maternità. In questo caso occorre presentare all’Ufficio Tirocini un certificato medico attestante la gravidanza e una richiesta specifica che indichi i tempi dell'interruzione. Tale interruzione può avere una durata massima di un anno, prevista comunque tra la fine del primo semestre e l’inizio del secondo.

 

Caratteristiche e funzioni del Supervisore

La supervisione del tirocinio dovrà essere effettuata da uno psicologo iscritto da almeno cinque anni alla sezione A dell'Albo, che intrattenga con la sede un rapporto professionale sistematico con la qualifica di psicologo e con un impegno orario di almeno 20 ore settimanali ed una durata pari almeno a quella del tirocinio. Durante il tirocinio la frequenza giornaliera e le attività svolte devono essere oggettivamente documentate dal supervisore. Per un proficuo svolgimento dell'esperienza, il supervisore non dovrà assumere la responsabilità di più di due tirocinanti per semestre, indipendentemente dalla natura del tirocinio (sezione A e B) e dalla sede universitaria di provenienza del tirocinante. Nel caso in cui il supervisore abbia gravi impedimenti allo svolgimento della sua funzione, la struttura dovrà provvedere alla sostituzione. Tale modifica dovrà essere comunicata alla Segreteria Tirocini con l’indicazione del proseguimento del progetto di tirocinio già approvato. Il supervisore svolge una funzione determinante nel processo di maturazione professionale del tirocinante, mediante la definizione del processo formativo, la facilitazione del progressivo inserimento in attività professionali, il sostegno nella rielaborazione dell'esperienza e la verifica delle attività svolte. In particolare, al supervisore spettano, per l'intera durata del tirocinio, funzioni quali le seguenti:

• introdurre il tirocinante nel contesto entro il quale si svolge il tirocinio;
• effettuare, insieme al tirocinante, una specifica programmazione dell'esperienza, definendone operativamente obiettivi, metodi e fasi e armonizzando tale programma con le caratteristiche del contesto; • verificare, attraverso un costante monitoraggio, l'esperienza svolta dal tirocinante, aiutandone la comprensione critica e fornendo suggerimenti per integrare o correggere;
• stimolare nei tirocinanti l’interesse per i principi deontologici, anche ispirando ad essi la propria condotta professionale (art. 20 Codice Deontologico degli Psicologi);
• procedere, assieme al tirocinante, alla valutazione consuntiva del tirocinio, con riferimento tanto ai risultati formativi del singolo tirocinante quanto alle loro articolazioni con il contesto organizzativo in cui l'esperienza si è svolta.

Ultimo aggiornamento

27.02.2024

Cookie

I cookie di questo sito servono al suo corretto funzionamento e non raccolgono alcuna tua informazione personale. Se navighi su di esso accetti la loro presenza.  Maggiori informazioni